GENTE PER BENE CHE INCONTRI SUL WEB (4)

BqG7k2BIQAAWrtm

Un anno fa scrivevo questo post “Gente per bene che incontri sul web” dove raccontavo come ho incontrato Corinne, Ingrid, Sara e Gary. In quei giorni, Corinne, Sara, Ingrid e Gary si incontravano a Parigi e sfondavano il perimetro della virtualità rendendo la loro amicizia “reale”. Un po’, in quei giorni li ho invidiati, avrei voluto essere con loro, avrei voluto condividere quelle risate, quell’allegria, la gioia di stare finalmente insieme.

E’ cominciato a ottobre, con l’idea di Corinne di venire a Bologna a vedere Marco Mengoni. Abbiamo organizzato tutto, abbiamo fatto l’impossibile perché questo diventasse il week-end più forte di sempre. E si è realizzato. Il concerto è stato magnifico,

IMG_3484[1]

Lui un mix di magnetismo ed esplosività che ci ha contagiato rendendoci partecipi di un evento magico e unico. E poi, ieri, una giornata nella splendida Firenze. Splendida anche sotto una pioggia scrosciante che ha lasciato poco respiro alla nostra esuberanza e voglia di stare insieme. Ma è stata comunque una giornata bella e speciale. Nonostante tutto.

11329922_10152731107790940_5256229755746306244_n

Ed eccoci qua. Le “Florence Flowers”. Manca Gary, che era intento a fotografarsi i piedi disteso per terra e a far arrabbiare una vigilessa un po’ troppo zelante che non aveva capito l’originalità della foto (Piazza della Signoria fotografata attraverso i “footies” e non i “selfies”) :D

Gente per bene che incontri sul web n.4. The best!

Acknoledgments:

CFh0wvDWMAIzBhp

With Corinne & Gary at the Guglielmo Marconi’s Airport when they just arrived in Bologna. Sooo cool meeting us after 2 years and a half!

Ingrid joined us, and now we are selfing all together!

Ingrid joined us, and now we are selfing all together!

CFirXRsWIAAHcfM

We’re at the Unipol Arena Dome! It’s raining cats and dogs but the rain won’t stop us!

CFi92CCVEAAFVFk

Here we are, the Mengoni’s Flowers. :) Such a wonderful time we had

TONIGHT’S THE NIGHT! MENGONI’S GIG IN BOLOGNA!

Che volete che vi dica?
Soffro di Benjamin Button Syndrome! Adesso ho 17 anni e vado pazza per i concerti!
UNIPOL ARENA, aspettateci!

HARRY POTTER MAMMA NON MAMMA LE MADRI MINORI AL 25° POSTO SU AMAZON

Ogni tanto, una bella notizia…

11128267_909304709113081_5658600075149918587_n

“Mamma o non mamma: le madri minori nell’universo di ‪#‎HarryPotter‬“, il saggio di Amneris Di Cesare, 25° posto classifica Amazon.it Storia della letteratura e critica letteraria
http://amzn.to/1ec0O0f
‪#‎runaeditrice‬ ‪#‎saggistica‬ ‪#‎ebook‬ ‪#‎kindle‬

“SEI MAI STATO INNAMORATO TU?” SIRENA ALL’ORIZZONTE, STAY TUNED!

 

de250e56d90ba75353987b03681e30a0

 

“Sei mai stato innamorato tu?” Ancora quella domanda. Era il pensiero fisso di Marco. L’amore. O meglio, l’assenza di esso. Da quando erano partiti non faceva che proporla come unico argomento di conversazione. Non le auto o le moto, o gli sport estremi come tutti gli altri suoi coetanei. Sempre e solo quel grillo in testa: come si sta, quando si è innamorati?

Sirena all’orizzonte

Stay tuned! A breve grosse novità!

INTERVISTA A MARIE SEXTON, VERSIONE ITALIANA TRADOTTA

Sto intraprendendo un viaggio dentro la scrittura di genere romance, che con ogni probabilità sfocerà in un libro/saggio/manuale dove si daranno consigli su come scrivere in maniera convincente di “romance” o “rosa” o “genere sentimentale” che sia. Il mio viaggio si è spinto verso le frontiere del gay-romance, e ho intervistato per questo saggio una delle autrici MM/LGBT più di successo del momento, Marie Sexton.


5.14 – a love story booktrailer

Inoltre, Marie Sexton, è autrice de Il Capitolo 5 e il maniaco dall’ascia vibrante e L’appartamento n.14 e quel diavolo vicino di casa, in uscita per Amarganta Edizioni il 14 maggio e il 28 maggio prossimi ha risposto a qualche domanda sullo scrivere gay-romance. Questa la versione tradotta in italiano.

Marie Sexton (che scrive anche sotto lo pseudonimo di A.M. Sexton) vive in Colorado. È fan di tutto ciò che ha a che fare con giovani uomini muscolosi che si ammucchiano uno sull’altro e in particolare ama i Denver Broncos. Infatti adora andare alle loro partite insieme al marito. I suoi amici immaginari spesso la seguono. Marie ha una figlia, due gatti e un cane e tutti insieme sembrano ben intenzionati a distruggere ciò che resta della sua sanità mentale. Ma lei li ama in ogni caso.

Il suo primo romanzo è stato Promises (Promesse) pubblicato nel gennaio del 2010. Ha pubblicato circa una trentina di romanzi da allora.

Ha ricevuto diversi Premi Arcobaleno ed è tradotta in molti Paesi del mondo.First novel was Promises, published in January 2010

I Premi Arcobaleno vinti  sono:

  • Fragole per dessert, 2010, 2° posto per il Miglior Romance Contemporaneo a tematica gay; 3° posto per la migliore caratterizzazione;
  • Blind Space, 2012 1° posto per il Miglior romanzo Sci-fi a tematica gay, Menzione d’onore per il Miglior Romanzo a tematica Gay.
  • Song of Oestend 2011 1° posto per il Miglior romanzo fantasy a tematica gay, 1° Posto per il miglior personaggio caratterizzato, Menzione d’onore per il miglior romanzo a tematica gay
  • Second Hand, Primo posto aex-equo 2012
  • Family Man, Finalista
  • Never a Hero, Menzione d’onore 2013
  • Un po’ santi, un po’ peccatori 2012 Premio Excellence del CRW per il Romanzo Romance Contemporaneo   
  • Song of Oestend Finalista nel 2012 CRW Award of Excellence Come miglior romanzo Sci-fi e Fantasy
  • Blind Space The Romance Reviews Best Book nel 2012 per Sci-fiction romantica e  futuristica LGBT 

Perché scrivere romance e specificatamente perché scrivere gay romance? Come nasce l’interesse per questo genere e la determinazione di scriverne?
Ero solita leggere solo fantasy e thriller. Circa nel 2007 lessi la serie Nightrunner di Lynn Flewelling. Alla fine del secondo libro, i due personaggi principali (due uomini) diventano una coppia e rimasi colpita e assolutamente stupefatta dalla scelta dell’autore. Iniziai a cercare su Amazon altri romanzi fantasy con personaggi gay e sono quasi “inciampata” nel genere gay romance rimanendone immediatamente coinvolta. Poi qualche tempo dopo, nel 2009 circa, mi venne un’idea. Quell’idea si è trasformata nel mio primo romanzo, Promesse.

Perché il gay romance (LGBT/MM) e non un altro genere letterario, ad esempio il mainstream?
Non so per quale motivo ma, qualunque storia io abbia in mente finisce per coinvolgere due uomini che si innamorano.

Il genere letterario “Romance” è il genere letterario che vende di più ma allo stesso tempo quello che genera il più grosso pregiudizio in fatto di opinion e critica. Perché pensa ciò accada?
In parte penso che questo avvenga perché il “Romance” prevede il lieto fine e credo (almeno in America) che un sacco di gente sostiene che  il concetto puritano che lavoro e sofferenza sono cosa buona, che il piacere invece è cosa cattiva sia quello corretto. Leggere qualcosa che ti renda semplicemente felice è considerato follia. Ma penso anche che il pregiudizio contro il romance sia dovuto largamente al fatto che si tratta di un genere scritto in prevalenza da donne per le donne. E, per lo meno in America, qualunque cosa piaccia alle donne si ha la tendenza a ridicolizzarlo ed emarginarlo.

Quali sono gli scrittori MM/LGBT che ritiene tra I più importanti del momento? Ha qualcuno che la ispira?
Detto sinceramente ho imparato a tenere la testa bassa e scrivere. Non sono molto informata su chi sta pubblicando in questi giorni o chi sta facendo successo e chi no.

Come le vengono le idee per descrivere I personaggi e le ambientazioni dei suoi romanzi?
Davvero non lo so. La maggior parte delle volte questi uomini quasi si intrufolano nel mio cervello e lentamente iniziano ad abitarvi. Generalmente inizia tutto con una piccola scena e costruisco da lì l’intera storia. Con Promesse, è iniziato tutto con due uomini in un corridoio. Con Dalla A alla Z, è iniziato con Angelo che entrava in un negozio di videonoleggio e rimaneva sconvolto dalla totale mancanza di organizzazione. Release è iniziato tutto con un prostituto e uno schiavo del sesso che cercavano di avere un momento per loro, senza che il loro padrone se ne accorgesse. Oestend è iniziato con un pittore e un cowboy in piedi davanti a una recinzione di filo spinato. E così via, inizio a esplorare i modi possibili in cui tutti loro sono arrivati fino a lì. Molte volte la prima scena che scrivo è situata al centro del romanzo e poi lavoro sia a ritroso che procedendo in avanti nella narrazione.

Quali regole uno scrittore di LGBT/MM dovrebbe seguire per scrivere un buon gay-romance?
Credo che la regola più importante sia semplicemente quella di rendere i propri personaggi il più possibile reali.

Le regole sono fatte per essere trasgredite. E’ d’accordo? E’ possibile trasgredire alle regole della narrazione romance e in quella della gay-romance?
Mi piace trasgredire alle regole qualche volta ma come autore devo essere poi pronto a qualche contraccolpo. Un buon esempio potrebbe essere quello della mia coppia, Zach e Angelo. Sono innamorati pazzi ma scelgono di non essere interamente monogami. Ogni tanto mi capita di  incontrare  qualche lettore che ha reazioni estremamente velenose a riguardo. Ma è così che funziona. Zach e Angelo non hanno nessuna intenzione di seguire le regole di chicchessia e io ho dovuto tenere fede a tutto ciò.

Dove sta andando, secondo lei, il romanzo MM/LGBT?
Credo che aumenterà in fatto di popolarità, ma non so se sarà mai accettato come il romance mainstream. Dubito che mi sarà mai possibile di entrare dal mio droghiere e vedere uno dei miei libri sullo scaffale (Ma adorerei essere smentita a riguardo!)

Come spiega questo grande successo per I romanzi MM/LGBT specialmente tra un pubblico di lettori eterosessuale e femminile?
Credo che molte donne siano ansiose di esplorare ciò che l’amore può sembrare anche oltre il confine tra i ruoli tradizionali “maschio/femmina”. Molte donne, (per lo meno in America, non posso parlare per il resto del mondo), sono cresciute con la dicotomia Madonna/Puttana inculcato loro negli anni e ora stiamo iniziando a renderci conto di che enorme stronzata fosse. E questo è qualcosa a cui non puoi sfuggire se leggi i romanzi tradizionali eterosessuali. Sei sempre schiaffeggiata dal ruolo – accettato o meno – della donna in relazione agli uomini. Credo che leggere il gay romance ci dia uno strumento sicuro per esplorare l’amore e la sessualità lontano dai legami che compongono la nostra vita quotidiana.

Cosa pensa che cerchi un lettore di MM/LGBT in un romanzo gay-romance?
Credo che il lettore voglia personaggi a cui si possa rapportare, situazioni con le quali possa sentire empatia e un bel lieto fine in modo da poter sorridere quando tutto è finito.

Grazie, Ms Sexton per averci concesso questa interessante intervista.

(adc)

La versione originale in inglese, qui

AN INTERVIEW TO MARIE SEXTON – ENGLISH VERSION

I am travelling into the romance writing genre, which, most likely will drive me into the publishing of a book/essay/manual where some tips on correctly and real romance and sentimental writing are given. My journey went over the gay-romance frontiers, and I’ve asked some questions about this writing genre to one of the most successful MM/LGBT writers of the moment, Ms. Marie Sexton.


5.14 – a love story booktrailer

Marie Sexton, Chapter 5 and axe-wielding maniac and Apartment 14 and the devil nextdoor author, released by Amarganta Edizioni, on May 14th and May 28th, gave us some answers on gay-romance writing: 

Marie Sexton (who also writes as A.M. Sexton) lives in Colorado. She’s a fan of just about anything that involves muscular young men piling on top of each other. In particular, she loves the Denver Broncos and enjoys going to the games with her husband. Her imaginary friends often tag along. Marie has one daughter, two cats, and one dog, all of whom seem bent on destroying what remains of her sanity. She loves them anyway.

First novel was Promises, published in January 2010

Nearly thirty published works since then.

Several Rainbow Awards:

  • Strawberries for Dessert, 2010, 2nd Place Best Contemporary Gay Romance, 3rd Place, Best Character Development
  • Blind Space, 2012 1st Place Best Gay Sci-Fi/Fantasy, Honorable Mention Best Gay Novel
  • Song of Oestend) 2011 1st Place Best Gay Fantasy, 1st Place Best Character Development, Honorable Mention Best Gay Novel
  • Second Hand, Runner-Up 2012
  • Family Man, Finalist
  • Never a Hero, Honorable Mention 2013

2012 Award of Excellence from CRW for Contemporary Romance (Between Sinners and Saints)

Finalist for 2012 CRW Award of Excellence for Best Sci-Fi/Fantasy (Song of Oestend)

The Romance Reviews Best Book of 2012 in GLBT – Romantic Science Fiction / Futuristic (Blind Space)

Why romance writing and specifically gay romance writing? How this interest came and determination to write it arrived?

I used to read only fantasy and thrillers. Back in about 2007, I read Lynn Flewelling’s Nightrunner series. At the end of the second book, the two main characters (two men) become a couple, and I was intrigued and absolutely amazed. I started searching Amazon for other fantasy novels with gay characters. From there, I sort of stumbled into gay romance, and I was immediately hooked. Then sometime in 2009, I came up with a story idea of my own. That idea turned into my first novel, Promises.

Why gay romance (LGBT/MM) and not another writing literary genre (mainstream)?

For whatever reason, every story idea I’ve ever had has involved two men falling in love.

Romance writing is the publishing genre that sells the most but at the same time the one that rises the biggest prejudiced opinions. Why do you think that happens?

Partly I think it’s because romance has happy endings, and I think (in America, at least) a lot of people still subscribe to the Puritan idea that work and suffering are good, and pleasure is bad. Reading something just because it makes you happy is considered folly. But I also think the prejudice against romance is largely because the genre has traditionally been written by women, for women. And in America at least, anything women enjoy tends to be mocked and marginalized.

What are the MM/LGBT writers you think the most important at the moment? Do you have someone you get inspired by?

Honestly, I’ve learned to just keep my head down and keep writing. I’m not very aware of who’s publishing what these days, or of who’s making waves and who isn’t.

How do you get the ideas for depicting characters and backgrounds to set your novels

I don’t really know. A lot of times it feels like these men sort of sneak into my brain and slowly take up residence. Usually it all starts with one little scene and builds from there. With Promises, it started with two men in a hallway. With A to Z, it started with Angelo walking into a video store and being appalled by the lack of organization. Release started with a whore and a sex slave trying to find a few moments together without their master knowing. Oestend started with an artist and a cowboy standing by a barbwire fence. And from there, I start exploring the possible ways they got there. A lot of times, the first scene I write is in the center of the book, and then I work both backward and forward from there.

Which rules should a MM/LGBT writer  follow to write a good gay-romance novel?

I think the most important thing is just to make your characters as real as you can.

Rules are made to be broken: do you agree? Is it possible to transgress rules of romance writing also in a gay-romance field?

I do like to break the rules on occasion, but as an author, I have to be ready for some backlash. My couple Zach and Angelo are a good example. They’re madly in love, but they choose not to be entirely monogamous. Occasionally I’ll meet a reader who is absolutely venomous about it, but that’s how it goes. Zach and Angelo have no desire whatsoever to follow somebody else’s rules, and I have to be true to that. J

Where the MM/LGBT novel is going to go, to your opinion?

I think it will keep gaining in popularity, but I don’t know if it’ll ever be as accepted as mainstream romance. I doubt I’ll ever walk into my local grocery store and see one of my books on the shelf. (But I would LOVE to be proven wrong about that!)

How do you explain this huge success for MM/LGBT novels especially among heterosexual female readers?

I think a lot of women are anxious to explore what love can look like outside of the confines of traditional male/female roles. A lot of women (in America, at least – I can’t speak for the rest of the world) were beaten over the head with the Madonna/Whore dichotomy as we grew up and we’re starting to realize what bullshit it is. And that’s something you can’t escape by reading traditional heterosexual romance novels. You’re still being smacked in the face with the accepted (and unaccepted) roles of women in relation to men. I think reading gay romance gives us a safe way to explore love and sexuality away from the bonds of our own lives.

What do you think a MM/LGBT reader searches for in a gay-romance novel?

I think readers want characters they can relate to, situations they can empathize with, and a nice, happy ending so they can smile when it’s all over.

Thank you Ms Sexton for this interesting interview,

(adc)

#ioleggodifferente PERCHE’ (2):

#ioleggodifferente PERCHE':

Buongiorno con #ioleggodifferente!

STORIE D’AMORE ARCOBALENO

download

Mi piacciono le storie d’amore dove due persone si incontrano, si guardano e la scintilla scocca immediatamente, l’attrazione è pazzesca e il bisogno di vedersi sempre più spesso è quasi un dolore fisico.
Mi piacciono le storie d’amore dove i due si conoscono, si confessano aprendosi e rivelando le proprie fragilità e i segreti di un passato che impedisce la speranza nel futuro.
Mi piacciono le storie d’amore dove l’Amore cresce piano piano, lentamente, attraverso piccoli gesti insignificanti, dove non c’è solo urgenza sensuale ma soprattutto necessità di calore e presenza.
Mi piacciono le storie d’amore dove alla fine la coppia si arrende ai sentimenti e finalmente accetta di essere indissolubilmente legata da una sottile ma estremamente robusta linea perimetrale che li ingloba.
Mi piacciono le storie d’amore dove queste persone però, per un nonnulla, un equivoco, un fraintendimento, o semplicemente l’incapacità totale nel credere di meritarsi la felicità, si feriscono e si spingono via, rompendo quella robusta sottile linea vitale.
Mi piacciono le storie d’amore dove gli amanti lontani sfioriscono e avvizziscono, si seccano come terra arida e si spaccano, formando su di sé solchi profondi di dolore.
Mi piacciono le storie d’amore dove il dolore della lontananza, della mancanza, dell’urgente vuoto formato tra loro diventa così forte e palpabile da farti saltare sulla sedia tanto che sei scomodo a leggere di quella sofferenza.
Mi piacciono le storie d’amore dove, esattamente per caso, per un nonnulla, per un’insignificante ragione come è avvenuto per la separazione, i due si incontrano e capiscono che non possono stare più lontano, pena la fine più drastica.
Mi piacciono le storie d’amore dove le ferite si sanano, le crepe si colmano, il dolore si cura attraverso cicatrici che resteranno sempre a testimoniare quanto poco è mancato per un finale terribile.
Mi piacciono le storie d’amore dove l’amore trionfa, ma soprattutto dove l’amore matura e si sublima, crescendo e diventando qualcosa di pregnante e denso.
Mi piacciono le storie d’amore.
Non ne ho mai fatto mistero.
Ultimamente le storie d’amore così, profonde, intense, che maturano e si sublimano le ho trovate solo in un certo tipo di lettura.
Mi piacciono le storie d’amore.
Di tutti i generi, di tutti i colori.
Quelli dell’arcobaleno vanno benissimo.

FANGIRLARE SOGNANTE E SOLITARIO…

Il cast di Shadowhunters ABC TV series si sta componendo. E io non riesco più a stare nella pelle.

#WhoIsMagnus?

chi rimpiazzerà Godfrey Gao, l’attore che ha impersonato Magnus Bane lo Stregone più Potente di New York nel movie del 2012?

tumblr_static_magnus