Una mia intervista a Marina Lenti:

Marina Lenti, milanese, laureata in legge, ha iniziato a scrivere nel 1989, collaborando con testate musicali e, successivamente, con pubblicazioni dedicate all’home video. Nel corso degli anni si occupata dell’attività di ufficio stampa collaborando con varie etichette indipendenti e nel 2004 è approdata a Fantasy Magazine, la testata on line sul Fantastico più letta in Italia, diventando la curatrice del settore dedicato a Harry Potter. Dallo stesso anno è anche la Guida del portale Supereva sul medesimo argomento. Con L’Incantesimo Harry Potter ha vinto il Premio Italia   2007, riconoscimento che il fandom italiano tributa a ciò che, nell’ambito della Fantascienza e del Fantastico, si è destinto nel nostro Paese durante l’anno solare. Il saggio è rimasto tre settimane fra i primi 5 posti nella sezione saggistica della classifica di vendita di Internet Book Shop. Qui di seguito l’intervista all’autrice, a cura di Ipanema:

Ciao Marina, grazie per aver accettato di rispondere alle mie domande. Iniziamo subito con il fuoco di fila:

1. Perché una Guida e soprattutto perché su Harry Potter?
Una Guida perché il progetto Guide di Supereva (oggi Dada.net) mi è piaciuto subito e in Italia non c’era nulla del genere. Si tratta di un progetto attraverso il quale un appassionato o un esperto in una qualsiasi materia mette a disposizione dei lettori  le proprie conoscenze attraverso un sito dove offre  articoli e interazione attraverso tool quali un forum, una newsletter, una chat, un sistema di sondaggi e la possibilità di rispondere a domande dirette. In pratica, visto che esiste da dieci anni, è il nonno del social web o web 2.0 come si vuole chiamarlo. Il risvolto della medaglia è che con l’andar del tempo il sofwtare di supporto è invecchiato e si è riempito di bachi e purtroppo Dada non ha reinvestito in piattaforme più moderne. Detto ciò, perché Harry Potter? Questo è più complesso. In realtà io mi ero proposta per tutt’altra Guida, poi parlando coi tutor di Supereva – che sono le persone che reclutano le Guide e le seguono durante le fasi di apprendimento su come far funzionare l’applicativo per la pubblicazione degli articoli – è venuto fuori che mi piaceva molto Harry Potter e che loro cercavano disperatamente qualcuno che si occupasse del maghetto. La mia Guida potteriana (http://guide.dada.net/harry_potter) è solo una fra circa cinquecento Guide. Si occupa di Harry Potter “dalla A alla Z”, fornendo notizie giornaliere, enciclopedie, film, libri, curiosità, giochi, ricette, sondaggi, e tutto quanto ruota attorno al maghetto, alla sua autrice J.K.Rowling e agli attori dei film. Con quasi 1800 articoli  rappresenta una delle risorse su Harry Potter più ricche del web italiano e il suo forum, con oltre 30.000 post, è il più attivo dell’intero portale di Dada.

2. Approfondiamo dunque il tema Harry Potter e J.K. Rowling. Perché, secondo te,  il celebre maghetto dalla cicatrice a saetta è entrato così profondamente nel nostro quotidiano (si accenna a lui in continuazione, sulla carta stampata, nelle fiction tv) e perché il mondo che la Rowling ha così ben disegnato, ha fatto tanta presa nell’immaginario dei bambini, dei ragazzini ma non solo, dato che risultano esserci anche maree di fan adulti che seguono Harry Potter passo passo e con una precisione maniacale?
Beh, direi che Harry Potter fa senz’altro parte, ormai, della nostra quotidianità. Tutti ne hanno almeno sentito parlare come fenomeno letterario unico al mondo nella storia editoriale, e se si pensa che alcuni dizionari hanno riscoperto la parola babbano proprio grazie a questa saga, direi che abbiamo un esempio altamente indicativo. Infatti né il termine inglese (muggles), né quello italiano sono invenzioni della Rowling m semplicemente parole desuete riportate in auge. Ma gli esempi sono a decine: pensiamo al dinosauro battezzato col nome di Dracorex Hogwartsia, in omaggio alla scuola di magia; o al gene della crescita individuato da un team di ricercatori e battezzato Harry Potter; pensiamo ai francobolli celebrativi, alle monete magiche con corso legale nell’Isola di Mann… Tutto ciò è stupefacente. Sul perché abbia fatto tanta presa ognuno ha naturalmente la sua teoria: la mia è che, oltre ad aver confezionato una saga con tutti gli ingredienti ‘giusti’ (che ho cercato di esaminare appunto nel saggio L’Incantesimo Harry Potter), la Rowling è stata capace di trasportare il sistema delle serie tv nel campo dei libri, facendo leva sulla curiosità del pubblico che era avido di sapere come sarebbe finita la storia. Naturalmente un grosso aiuto alla saga è stata la sua trasposizione cinematografica che ha amplificato moltissimo il fenomeno, ma dal punto di vista editoriale anche prima dei film Harry Potter era già un fenomeno.

3. Quanto e in cosa ti assomigliano, Harry Potter e J.K. Rowling?
<<<<<continua a leggere>>>>>>

Annunci

Informazioni su amnerisdicesare

italiana nata a Sao Paulo del Brasile, vive a Bologna. Sposata a un medico calabrese, mamma e moglie a tempo pieno, collabora come free-lance per riviste femminili. Dal 2005 gestisce il F.I.A.E. – Forum Indipendente Autori Emergenti http://fiaeforum.freeforumzone.leonardo.it, insieme gruppo e laboratorio di editing autogestito per scrittori emergenti. Ha pubblicato il saggio “Mamma non mamma: la sfida di essere madri nel mondo di Harry Potter” nell’antologia benefica Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling (CameloZampa Editore 2011); un suo racconto, intitolato “Zanna” è presente nell’antologia di racconti animalisti “Code di Stampa” (La Gru Edizioni 2011); ha pubblicato nel 2012 il suo romanzo d’esordio, Nient’altro che amare (Edizioni CentoAutori), vincitore del Premio Letterario Mondoscrittura, e nel 2013 ha partecipato al progetto di scolastica coordinato da Manuela Salvi “Prossima fermata… Italia!” (Onda Editore) scrivendo il capitolo dedicato alla regione Calabria. Ha curato l’antologia benefica “Dodicidio” per il progetto POP di La Gru Edizioni scrivendo il capitolo “Febbraio” (2013) e ha vinto il “Concorso Cercasi Jane” indetto dalla Domino Edizioni con la quale il 1 settembre 2013 è uscito il suo romanzo “Sirena all’orizzonte” secondo classificato al Premio Letterario Magiche rose 2014 di Fiuggi. A giugno 2014 invece è uscito Mira dritto al cuore per i tipi della Runa Editrice, mentre un secondo saggio sulle figure materne nella saga di Harry Potter dal titolo “Mamma non mamma: le madri minori nel mondo di Harry Potter” uscirà a gennaio sempre con Runa Editrice. Collabora con il portale di informazione online Rete-News.it (www.rete-news.it) scrivendo articoli di cronaca, costume e musica e con la rivista letteraria digitale e online Inkroci (www.inkroci.it ) in qualità di traduttrice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...