L’OMBRA DEI SOGNI – di FABIO MUSATI

Edizioni CentoAutori – brossura – Euro 10.00

Fabio lo conosco ormai da sette anni. Eravamo sullo stesso forum e improvvisamente ci siamo scritti un messaggio privato: stessa insoddisfazione, stessa sensazione di perdere tempo e non imparare a scrivere in maniera “proficua”. Quello stesso giorno, da lì ce ne siamo andati, senza dire niente a nessuno, quasi in segreto (sarebbe stato poi gridato allo scandalo da qualcuno, infatti), quasi in clandestinità. Abbiamo aperto F.I.A.E. qualche giorno più in là, insieme ad altri che Fabio conosceva meglio. E ancora oggi siamo insieme nel gruppo e nella scrittura. Una cosa mi colpì subito di Fabio: scriveva bene. In modo incisivo, forte, senza pericolo di essere frainteso. Non metteva fronzoli o metafore in quello che scriveva, solo fatti. Fluidità. Non tutto quello che scriveva mi piaceva, spesso l’ho criticato, ma dalla sua c’era che io non ero allora molto avvezza alle storie “metafisiche” o “fantastiche” nella più pura accezione del termine. Io scrivevo di favole d’amore, dolcissime, cariche (si può dire grondanti) di miele, lui da sempre è stato caustico, quasi amaro. Ha scritto e pubblicato molti libri da allora, Fabio. Prima o poi riuscirò a leggerli tutti. Ma – come ebbe a scrivere qualcuno su di lui prima di me – tanto so già come scrive, non ho bisogno di conferme. So che scrive in maniera impeccabile. Ho letto il suo nuovo libro, una raccolta di racconti. Alcuni li conosco già, ma il rileggerli è sempre una scoperta. Altri invece sono stati una bellissima sorpresa. Quello che li accomuna tutti è il senso del viaggio onirico, ma sempre ben ancorato alla realtà quotidiana. Ho amato moltissimo “Natale in Padania” per quel senso di mesta e malinconica impotenza che i protagonisti mostrano senza vergognarsene. E “Oltre il capolinea”, direi sublime nella sua delirante lucidità. Qualcuno troverebbe similitudini tra la scrittura di Fabio Musati e quella di qualche scrittore famoso, magari scomodando il solito R. Carver. A me piace pensare che la scrittura di Fabio Musati sia unica e fedele soltanto a lui stesso, e che quella fluidità di immagini e descrizioni derivi  dal bisogno dello scrittore di dipingere la realtà a tratti nudi e crudamente reali, incorniciandoli poi con una spruzzata di irrealtà solo per cristallizzare la pena e la malinconia che da essa scaturiscono. Un bel libro, da consigliare assolutamente a chi ama i racconti e la rappresentazione della realtà senza sconti. Un bravo scrittore, pluripremiato, insignito di premi prestigiosi da seguire con attenzione.

Annunci

Informazioni su amnerisdicesare

italiana nata a Sao Paulo del Brasile, vive a Bologna. Sposata a un medico calabrese, mamma e moglie a tempo pieno, collabora come free-lance per riviste femminili. Dal 2005 gestisce il F.I.A.E. – Forum Indipendente Autori Emergenti http://fiaeforum.freeforumzone.leonardo.it, insieme gruppo e laboratorio di editing autogestito per scrittori emergenti. Ha pubblicato il saggio “Mamma non mamma: la sfida di essere madri nel mondo di Harry Potter” nell’antologia benefica Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling (CameloZampa Editore 2011); un suo racconto, intitolato “Zanna” è presente nell’antologia di racconti animalisti “Code di Stampa” (La Gru Edizioni 2011); ha pubblicato nel 2012 il suo romanzo d’esordio, Nient’altro che amare (Edizioni CentoAutori), vincitore del Premio Letterario Mondoscrittura, e nel 2013 ha partecipato al progetto di scolastica coordinato da Manuela Salvi “Prossima fermata… Italia!” (Onda Editore) scrivendo il capitolo dedicato alla regione Calabria. Ha curato l’antologia benefica “Dodicidio” per il progetto POP di La Gru Edizioni scrivendo il capitolo “Febbraio” (2013) e ha vinto il “Concorso Cercasi Jane” indetto dalla Domino Edizioni con la quale il 1 settembre 2013 è uscito il suo romanzo “Sirena all’orizzonte” secondo classificato al Premio Letterario Magiche rose 2014 di Fiuggi. A giugno 2014 invece è uscito Mira dritto al cuore per i tipi della Runa Editrice, mentre un secondo saggio sulle figure materne nella saga di Harry Potter dal titolo “Mamma non mamma: le madri minori nel mondo di Harry Potter” uscirà a gennaio sempre con Runa Editrice. Collabora con il portale di informazione online Rete-News.it (www.rete-news.it) scrivendo articoli di cronaca, costume e musica e con la rivista letteraria digitale e online Inkroci (www.inkroci.it ) in qualità di traduttrice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...