Con questa faccia da straniero

Avevo 16 anni, innamorata di un ragazzo francese a Annecy Le Vieux, Haute Savoie, dove ero andata a migliorare il mio francese. Tutti i soldi della paghetta li spesi in LP di vinile: Jacques Brel, Edith Piaf, George Moustaki. Questa canzone è stato il sottofondo di un amore giovanile, estivo, intenso come solo gli amori d’estate dell’adolescenza possono essere, illuminati dal brillio del sole sull’acqua appena increspata del lago d’Annecy. Un disco che ascoltai fino alla nausea nei mesi successivi, tra lettere scritte a penna e sogni che poi si spersero nella nebbia del tempo. Ieri Don Gallo, oggi Moustaki. 😦

Remo Bassini

Quando avevo quattordici anni lui aveva già la barba grigia. Ricordo che dicevo a mia madre: quando sarò grande voglio farmi crescere la barba come lui, e voglio andare in moto come lui (che aveva una Honda).
Ho la barba grigia come lui, non sono andato in là di una motoretta scassata.
Sapevo a memoria le sue canzoni tradotte in italiano. Son cresciuto ascoltando lui e De André.

Addio, faccia da straniero

View original post

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.