LA PLAYLIST DELLA #SIRENA: SELF CONTROL di RAF

Raf – Self Control – Hit Parade Agosto 1984

City light painted girl
In the day nothing matters
It’s the night time that flatters
You take my self, you take my self control
You got me livin’ only for the night
Before the morning comes the story’s told
You take my self, you take my self control
I, I live among the creatures of the night
I haven’t got the will to try and fight
Against a new tomorrow
so I guess I’ll just believe it
that tomorrow never comes
You take my self, you take my self control

Nel 1984 viene publicata con l’etichetta francese Carrere e cantata interamente in inglese da Raf (al secolo Raffaele Riefoli) in Italia, e dalla newyorkese Laura Branigan per il mercato americano. Scritta da Raf per i testi e gli arrangiamenti e da Steve Piccolo, fondatore del gruppo new wave Lounge Lizards , che ne firma la musica, è stata prodotta da Giancarlo Bigazzi. Il singolo dà il titolo all’intero Long-Playing, Self control, è un brano eurodance che raggiunge il primo posto nelle classifiche di tutto il mondo quasi immediatamente, Stati Uniti compresi.

“Questa canzone adesso mi sembra preistoria. Sinceramente non l’ho mai sentita del tutto come mia, a quell’epoca mi sarebbe piaciuto fare altre cose. Ma in quel momento era quasi questione di sopravvivenza”. (Raf)

Sono i primi anni ’80, nelle discoteche impazzano musiche altamente ritmate dai ritornelli ripetitivi e dalle strofe accattivanti a cui si alternano brani con sintetizzatore. E’ il momento della dance, della musica facile da masticare con voracità e digerire con altrettanta fretta. E’ il periodo dei tormentoni estivi e questa di Raf, Self Control sarà uno di quelli che l’estate 1984 ricorderà con più facilità. Sono gli anni dei Gazebo, Baltimora, Dan Harrow e P. Lion. Anni in cui si canta in inglese nascondendo quasi con vergogna la provenienza tricolore. Anni in cui molti cantanti scaleranno le vette delle hit parade macinando vendite e soldi in quantità industriali ma che in breve con altrettanta rapidità scompariranno dalla scena musicale. Raf non si sente bene a scrivere questo tipo di musica, vorrebbe fare altro ma Self Control è un successo mondiale e gli vale la popolarità nazionale e internazionale. Riuscirà, grazie al suo spessore musicale a non scomparire come i suoi colleghi, pubblicando successivamente in italiano canzoni che raccoglieranno consensi e che lo eleveranno sulla scena nazionale come cantante e musicista di rilievo.

— Cecilia, hai detto che ti chiami vero? —  chiese Marco quasi soprapensiero.
— Sì, vero…
— Bel nome, Cecilia… il nome adatto per  una sirena
— Le sirene ammaliano e poi uccidono. Pensi che sia così crudele? — sorrise lei divertita.
— Le sirene conoscono l’animo degli uomini. Per questo sanno come manipolarli
Cecilia rise divertita, ma Marco percepì una nota di paura tra gli squilli argentini di quella risata.

Sirena all’orizzonte
di
Amneris Di Cesare
Edizioni Domino
2013

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.