MIRA DRITTO AL CUORE – LA PREFAZIONE

10343490_1493924854170238_8940216821523658879_a

Avete in mano un libro. E non vedete l’ora di tuffarvici dentro. Vi capiamo. Potremmo addirittura dirvi di saltare a piedi pari queste pagine e pazienza. Le prefazioni, lo dicono persone più competenti di noi, servono a poco. Di sicuro non fanno vendere di più. Infatti voi il libro lo avete comprato perché ha una bella copertina, una quarta intrigante e una firma, quella di Amneris Di Cesare, che è una garanzia.

Però, se avete due minuti di pazienza, promettiamo che non saremo prolisse e pretenziose. Non è un plurale maiestatis, siamo veramente in due. Conosciamo l’autrice dai tempi eroici dei blog. Abbiamo letto le sue parole, condiviso le sue emozioni, incoraggiato, per quel che potevamo, la sua voglia di scrivere storie. Sapete, se la scrittura è un evento che alcuni possono condividere con altre dieci dita (come noi facciamo), la lettura è un fatto singolo. Un fatto personale. E può capitare che una storia piaccia moltissimo a una persona e molto meno all’altra. Anche se le due persone in questione sono sodali nei gusti, negli intenti e nell’amore per il racconto. Poi ci sono libri che uniscono. “Mira dritto al cuore” ci ha unite in un’unanime volontà di seguire la vicenda umana di Sarah, di esserle accanto, di incazzarci a morte per scelte che lei sapeva, perché lo sapeva, fidatevi, sbagliate. Ma che ha comunque voluto compiere. L’abbiamo mal sopportata adolescente insicura perché ci siamo riconosciute in lei. Abbiamo tentato fisicamente di darle una spinta, un incoraggiamento verso l’amore che continuava a negarsi, perché ci siamo passate tutte. Abbiamo capito quando ha provato la vecchia tecnica del chiodo scaccia chiodo, perché per sapere che non funziona bisogna comunque provarci. Abbiamo pianto con lei, quando l’abbiamo trovata al centro di una vicenda di possesso, sopraffazione e violenza gratuita che rimanda alle cronache quotidiane. E abbiamo cercato di suggerirle di fuggire, denunciare, reagire. Succederà anche a voi.

Comincerete a leggere e non saranno più parole, inchiostro e carta. Sarà Sarah. Sarà Thomas. Sarà Rudy. Sarà vita vissuta. Riconoscerete luoghi e situazioni. Vi ritroverete nei gesti, negli sguardi. Negli errori, soprattutto in quelli. Vi arrabbierete, vi commuoverete. Farete un tifo sfegatato senza riuscire a star fermi sulla poltrona, sulla sdraio, sul letto. Non avrete il tempo di andare a far pipì e, se volete un consiglio, evitate di metter su il sugo o la teglia in forno. Il disastro è sicuro. Perché questo romanzo vi inviterà non a leggere, non ad assistere, non a guardare, ma a vivere accanto ai personaggi, nei personaggi.

Non vi raccontiamo niente di nuovo, lo sappiamo. Noi lettori siamo gente così, gente che è in grado di percepire la magia di una storia raccontata bene e di seguirla fino in fondo. Quando chiuderete l’ultima pagina, resterete lì, con il libro in mano e un sospirone nel cuore. Non è una promessa, è un fatto.

Così come è un fatto che abbiamo parlato anche troppo e che voi avete voglia di girar pagina e cominciare da una vacanza studio in America svanita sul più bello e un soggiorno di ripiego in un villaggio vacanze. Quindi indossate costume e pareo, mettete su il broncio di un’adolescente indispettita e fate attenzione. Perché c’è uno sguardo azzurro ghiaccio ad attendervi. E niente sarà più come prima. Buona lettura.

Laura Costantini e Loredana Falcone

1 Comment

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.