LE VIE DEL DESTINO, PRIMO FLASH

images (1)

Ultimamente mi ritrovo spesso a camminare sotto i portici di Via Saragozza. Per anni, è stata solo la “parallela” di un’agitatissima e indaffaratissima Via Andrea Costa, la strada da attraversare in macchina a tutta velocità per raggiungere, per riunirsi a. Invece, complici i cappuccini pomeridiani con un’amica che sotto quei portici vi abita da sempre, ultimamente mi ritrovo a riscoprirne i muri, gli angoli, le volte, gli odori. Mentre vi cammino calma, vengo aggredita da flash di ricordi. Questa strada, in realtà, è stata importante teatro di momenti della mia vita passata. E catturo questi “flash” a spezzoni, li trascrivo, per non dimenticarli più. Resteranno qui, su questo blog fino a quando la rete o più semplicemente wordpress non decideranno di spegnersi.

Primo Flash:
Sono piccola, molto piccola. Cammino spedita ma riesco a fare molti meno passi della donna alta e robusta che mi tiene per mano. Lei fa un passo e io, per poterle star dietro, per non farmi tirare – cosa che la infastidisce parecchio – ne devo fare tre nello stesso tempo. Se tento di guardarla in faccia, devo tirare su la testa e il sole mi acceca, la riesco a vedere solo in ombra specchiata dai raggi che mi feriscono le pupille.
“Nonna, andiamo a San Luca?” le domando, esitante
“Tesoro mio, è lontanissimo, è una sfacchinata!”
“Prometto che starò buona e non mi lamenterò fino alla fine…” la imploro.
Mi guarda con occhi buoni e placidi e mi sorride.
“Va bene. Sabato mattina partiamo di buon ora”
Il viaggio interminabile inizia da Via Indipendenza, dove abita la nonna. Prendiamo il 21, autobus che ci porta fino alla fine di Via Saragozza – (scopro poi, che di vie Saragozza ce ne sono due, una “dentro” e l’altra “fuori porta”).
Scendiamo alla fine, prima della Porta. La nonna attraversa la strada tenendomi stretta per mano.
“Evitiamo il bar Margherita, è un bar malfamato! Pensa che lì dentro ci hanno pure ucciso uno!” mi dice. Mi volto indietro a guardare quello che sembra un bar normalissimo, un po’ dimesso, abbandonato. Nel farlo mi faccio tirare e la nonna si infastidisce.
“Non guardare! Lì dentro ci sono gli omaracci!” e mi strattona in braccio per farmi riprendere l’andatura normale di marcia.
La prima tappa è “dalla Madonnina”. Una nicchia piccola e chiusa da grate con tanti quadretti in argento attaccati con il fil di ferro, fiori un po’ appassiti e piccoli foglietti, quelli che nonna chiama “ex-voto”.
“E’ una Madonna miracolosissima!” mi spiega “se avrai problemi di studio, un giorno, vieni qui e lei ti aiuterà…”
E poi inizia la salita. Piano, lentamente, a fatica ma caparbia, aggiunge un passo all’altro sgranando il suo rosario, quello scuro, dalle perle nere. Recita le preghiere in latino, io non le capisco. Le so dire solo in italiano, quindi provo a ripetere ciò che riesco a ricordare e fingo sia una formula magica che mi farà crescere in fretta: rechiameterna domisdom..
La seguo. Sono piccola, molto piccola. Ho sete. Ho fame. Ma so che se si va in “gita” a San Luca, tutto questo non conta, e soprattutto, non devo lamentarmi o fare storie. Una volta iniziato, il viaggio non può aver fine se non in cima.
L’ho chiesto io. Stringo i denti e seguo la nonna.

Annunci

Informazioni su amnerisdicesare

italiana nata a Sao Paulo del Brasile, vive a Bologna. Sposata a un medico calabrese, mamma e moglie a tempo pieno, collabora come free-lance per riviste femminili. Dal 2005 gestisce il F.I.A.E. – Forum Indipendente Autori Emergenti http://fiaeforum.freeforumzone.leonardo.it, insieme gruppo e laboratorio di editing autogestito per scrittori emergenti. Ha pubblicato il saggio “Mamma non mamma: la sfida di essere madri nel mondo di Harry Potter” nell’antologia benefica Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling (CameloZampa Editore 2011); un suo racconto, intitolato “Zanna” è presente nell’antologia di racconti animalisti “Code di Stampa” (La Gru Edizioni 2011); ha pubblicato nel 2012 il suo romanzo d’esordio, Nient’altro che amare (Edizioni CentoAutori), vincitore del Premio Letterario Mondoscrittura, e nel 2013 ha partecipato al progetto di scolastica coordinato da Manuela Salvi “Prossima fermata… Italia!” (Onda Editore) scrivendo il capitolo dedicato alla regione Calabria. Ha curato l’antologia benefica “Dodicidio” per il progetto POP di La Gru Edizioni scrivendo il capitolo “Febbraio” (2013) e ha vinto il “Concorso Cercasi Jane” indetto dalla Domino Edizioni con la quale il 1 settembre 2013 è uscito il suo romanzo “Sirena all’orizzonte” secondo classificato al Premio Letterario Magiche rose 2014 di Fiuggi. A giugno 2014 invece è uscito Mira dritto al cuore per i tipi della Runa Editrice, mentre un secondo saggio sulle figure materne nella saga di Harry Potter dal titolo “Mamma non mamma: le madri minori nel mondo di Harry Potter” uscirà a gennaio sempre con Runa Editrice. Collabora con il portale di informazione online Rete-News.it (www.rete-news.it) scrivendo articoli di cronaca, costume e musica e con la rivista letteraria digitale e online Inkroci (www.inkroci.it ) in qualità di traduttrice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...