GOODBYE OLIVER…

114646248-6df68ae2-3a75-4f0e-94b9-75a654a93be2

 

Ho letto due suoi libri, “L’uomo che scambiò la moglie per un cappello” e “Risvegli”.
Libri bellissimi anche se parlano di malattie e sintomi, di terapie e di vita medica.
Quando leggevo questi libri ricordo che pensavo “Che cultura e che anima che ha quest’uomo!”.

Non sapevo che fosse malato terminale.
Oggi scopro che se n’è andato ed è dolore come se fosse scomparsa una persona cara.
Leggo questo suo coming-out e sorrido: era la persona bella che sentivo fosse e forse anche qualcosina di più.

E ora, debole, col fiato corto e i muscoli una volta sodi sciolti dal cancro, trovo che i miei pensieri, non sulle cose soprannaturale o spirituali, ma su cosa si intende per vivere una vita buona e utile – hanno ptovocato un senso di pace dentro di me. Scopro che i miei pensieri vanno allo Shabbat, il giorno di riposo, il settimo giorno della settimana, e forse il settimo giorno della nostra vita, quando possiamo sentire di aver fatto il nostro lavoro, e di potere, in buona coscienza, riposare.

http://www.repubblica.it/cultura/2015/08/20/news/quel_giorno_di_shabbat_in_cui_dissi_a_mio_padre_sono_gay_-121880888/

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.