SUL ROMANCE: DIECI DOMANDE A LEDRA

12064147_1646531505589621_1502384197_n

Ledra vive e lavora in Veneto. Con Delos Digital ha pubblicato il racconto Il Ladro per la collana Senza Sfumature, l’antologia I colori dell’eros nella collana Odissea Digital e L’abete perfetto e Il bigamo per la collana Passioni romantiche.  Con lo pseudonimo Ledra Loi ha scritto Il cielo è sempre più rosa collana Youfeel Rizzoli e La disciplina del cuore Triskell edizioni. Alcuni suoi racconti sono comparsi in riviste e antologie.

Perché scrivere “rosa”? Com’è nata questa passione e/o determinazione a scrivere “romance” o “rosa”. Perché “rosa” e non un altro genere Perché sono sempre stata profondamente innamorata, fin da giovanissima, di questo genere. Adoro le storie d’amore a lieto fine, la classica frase “e vissero felici e contenti” mi riempie di gioia. Quindi il passo tra leggere il genere e decidere di scrivere romance è 12082913_1646531542256284_1982098189_ostato breve. Volevo raccontare anch’io le mie storie a lieto fine.

Il genere “rosa” è quello che in campo editoriale vende di più e quello che suscita più pregiudizi: perché secondo lei?  Perché viene considerato di serie B, scritto da donne stucchevoli per donne che sognano il Principe azzurro e non vivono la vita. Tutto falso ma l’idea è profondamente radicata nella mentalità comune. Come Ledra Loi  io e Luce Loi abbiamo addirittura scritto Il cielo è sempre più rosa editore Youfeel Rizzoli per cercare di sdoganare il genere in modo ironico e divertente.

Quali sono le scrittrici/gli scrittori rosa italiane/i più importanti, attualmente, sulla scena editoriale secondo lei? Ci sono talmente tanti autrici brave che preferirei non fare nomi perché rischierei di dimenticarmene qualcuna.

E quali le/gli scrittrici/scrittori stranieri? Personalmente adoro Julie Garwood e Lisa Kleypas, di loro leggo sia il contemporaneo che lo storico e ogni volta rimango senza fiato dalla loro bravura12080855_1646531565589615_751766202_n narrativa.

Romance: le regole per scrivere un buon libro “rosa”. Cosa funziona in un romanzo di genere “romance”? La mia risposta suonerà banale ma penso che la cosa che funziona di più sia un bellissimo finale, di quelli che fanno sospirare. E poi una buona storia d’amore dove i due innamorati debbano affrontare ostacoli, insidie e tribolazioni prima di stare insieme per sempre.

Cosa cerca un lettore in un romanzo rosa? La dimensione del sogno, la favola d’amore, la storia di Cenerentola che incontra il suo Principe azzurro.

Le idee, lei, come le trova? Vivendo. La mia vita è frenetica fatta di lavoro, casa, famiglia e relazioni sociali. Prendo spunto dalla realtà e la trasformo in 12077225_1646531528922952_892435062_nmagia.

Le regole sono fatte per essere trasgredite. E’ d’accordo? E’ possibile trasgredire alle regole del “romance”? No. A mio avviso ci sono delle regole di genere a cui non si può trasgredire perché allora non sarebbe più narrativa di genere.

Dove va il romance? Cosa ne pensa della “deriva” LGBT e MM? Non so dove sta andando il romance, magari avessi la palla magica: creerei un bestseller che anticipi i tempi. Per quanto riguarda la seconda domanda io non la considererei una deriva ma un sottogenere del romance con storie d’amore diverse ma sempre d’amore.

Un consiglio a chi vorrebbe scrivere “romance”? Due sole: leggere tutto del genere e amare intensamente leggerlo.

Annunci