LIVIA ROCCHI, EDITOR, INTERVISTATA DA ME PER BABETTE BROWN.IT

Screenshot 2016-01-21 09.03.26

 

5.     Esiste una forma di lettura “critica” che si differenzia da una lettura “di evasione”? E se sì, quali sono le differenze, secondo te?
In generale non lo so, per me in particolare devo ammettere che non riesco a mettere in pausa la modalità editor neanche quando leggo un libro per piacere personale. Se c’è qualche stridore lo sento, se c’è qualche refuso lo trovo, se c’è qualche perla nascosta cerco di trovarla (“Perché quel personaggio ripete ossessivamente PROPRIO quei due numeri?” E se il romanzo non lo dice: vai di google! Così salta fuori un versetto del Vangelo di S. Matteo che si lega perfettamente alla trama e io esclamo: “Ohibò!” leccandomi i baffi), se un personaggio è particolarmente ben riuscito (o terribilmente mal riuscito) provo a spiegarmi il perché e così via. Ormai mi capita anche con film e serie TV di domandarmi: “Se la vicenda si svolge nel 1924, come mai quella donna stava canticchiando Que sera sera uscita solo nel 1956?”. Sembra un tormento, ma io mi diverto e imparo. Mi serve molto per migliorare anche come autrice.

6.     Tu come leggi criticamente? Ci sono tecniche che applichi alla lettura?
Tecniche particolari no, solo una grande attenzione perché non riesco a fare lettura critica senza che mi parta il pre-editing (se il libro mi piace). Evidenzio i nomi, le date, tutte le cose che per esperienza so che potrei ritrovare con qualche cambiamento o errore. Se si tratta di saggistica tento di verificare ogni virgola, di controllare che tutto sia spiegato e ricavato da fonti attendibili. È un lavoro molto complesso. Cerco di fare una prima lettura tutta d’un fiato, riempio di commenti il testo ogni volta che qualcosa non mi convince o si potrebbe migliorare.

7.     Come si diventa editor? Hai fatto corsi per diventare editor?
Sull’editing ho seguito solo un breve seminario di Giulio Mozzi e quella volta abbiamo lavorato direttamente su un testo, non ci ha spiegato chissà che regole, ci ha mostrato come lavorava e ci ha fatto lavorare con lui. Ho imparato tantissimo dagli editing che ho fatto vedendo cosa hanno apprezzato o non apprezzato gli autori. La gavetta l’ho fatta da autrice con gli editing certosini che ho subito durante i due anni di lavoro a Geostilton, un’opera De Agostini che aveva come testimonial un personaggio amato dai bimbi di tutto il mondo quindi… grande responsabilità, tante regole, tanti controlli.

Se volete conoscere più da vicino questa editor bravissima, l’intervista continua qui

 

Annunci

Informazioni su amnerisdicesare

italiana nata a Sao Paulo del Brasile, vive a Bologna. Sposata a un medico calabrese, mamma e moglie a tempo pieno, collabora come free-lance per riviste femminili. Dal 2005 gestisce il F.I.A.E. – Forum Indipendente Autori Emergenti http://fiaeforum.freeforumzone.leonardo.it, insieme gruppo e laboratorio di editing autogestito per scrittori emergenti. Ha pubblicato il saggio “Mamma non mamma: la sfida di essere madri nel mondo di Harry Potter” nell’antologia benefica Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling (CameloZampa Editore 2011); un suo racconto, intitolato “Zanna” è presente nell’antologia di racconti animalisti “Code di Stampa” (La Gru Edizioni 2011); ha pubblicato nel 2012 il suo romanzo d’esordio, Nient’altro che amare (Edizioni CentoAutori), vincitore del Premio Letterario Mondoscrittura, e nel 2013 ha partecipato al progetto di scolastica coordinato da Manuela Salvi “Prossima fermata… Italia!” (Onda Editore) scrivendo il capitolo dedicato alla regione Calabria. Ha curato l’antologia benefica “Dodicidio” per il progetto POP di La Gru Edizioni scrivendo il capitolo “Febbraio” (2013) e ha vinto il “Concorso Cercasi Jane” indetto dalla Domino Edizioni con la quale il 1 settembre 2013 è uscito il suo romanzo “Sirena all’orizzonte” secondo classificato al Premio Letterario Magiche rose 2014 di Fiuggi. A giugno 2014 invece è uscito Mira dritto al cuore per i tipi della Runa Editrice, mentre un secondo saggio sulle figure materne nella saga di Harry Potter dal titolo “Mamma non mamma: le madri minori nel mondo di Harry Potter” uscirà a gennaio sempre con Runa Editrice. Collabora con il portale di informazione online Rete-News.it (www.rete-news.it) scrivendo articoli di cronaca, costume e musica e con la rivista letteraria digitale e online Inkroci (www.inkroci.it ) in qualità di traduttrice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...