CRISTINA BRUNI PER BABETTEBROWN.IT

Screenshot 2016-03-07 08.41.47

 

5.     Ami quello che scrivi, sempre, dopo che lo hai scritto? No, non sempre. A volte lo stravolgo completamente.

6.     Rileggi mai i tuoi libri, dopo che sono stati pubblicati? Mi capita soltanto con uno di essi, “Sette giorni”. Ogni tanto ne rileggo qualche stralcio. Probabilmente perché mi sono affezionata ai due protagonisti quasi quanto a dei figli.

7.     Quanto c’è di autobiografico nel tuoi libri? Molto. Metto molto di me nei miei personaggi, soprattutto la sofferenza.

8.     Quando scrivi, ti diverti oppure soffri? Soffro tantissimo: più riesco a provare le emozioni di sofferenza del protagonista, più riesco a produrre.

9.     Trovi che nel corso degli anni la tua scrittura sia cambiata? E se sì, in che modo? È cambiata grazie al confronto con altri autori. Spero in meglio! Spero anche che possa migliorare ancora, grazie anche alle critiche (se costruttive).

10.  Come riesci a conciliare vita privata e vita creativa? Spesso è difficile, a volte mi è sembrato di impazzire. Vorrei poter essere ricca e dedicarmi completamente alla scrittura.

11.  Ti crea problemi nella vita quotidiana? Un po’ sì, perché a volte corro il rischio di estraniarmi.

12.  Come trovi il tempo per scrivere? Approfitto di ogni minuto libero. Per questo scrivo quasi sempre sul telefono.

13.  Perché uno pseudonimo? Segretezza completa oppure si sa, in giro, chi sei in realtà? Alcune persone conoscono il mio nome reale. La scelta dello pseudonimo è un omaggio a mia nonna e al suo nome d’arte (era una cantante negli anni ’60).

<<<<IL RESTO DELL’INTERVISTA QUI>>>>

Advertisements

Informazioni su amnerisdicesare

italiana nata a Sao Paulo del Brasile, vive a Bologna. Sposata a un medico calabrese, mamma e moglie a tempo pieno, collabora come free-lance per riviste femminili. Dal 2005 gestisce il F.I.A.E. – Forum Indipendente Autori Emergenti http://fiaeforum.freeforumzone.leonardo.it, insieme gruppo e laboratorio di editing autogestito per scrittori emergenti. Ha pubblicato il saggio “Mamma non mamma: la sfida di essere madri nel mondo di Harry Potter” nell’antologia benefica Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling (CameloZampa Editore 2011); un suo racconto, intitolato “Zanna” è presente nell’antologia di racconti animalisti “Code di Stampa” (La Gru Edizioni 2011); ha pubblicato nel 2012 il suo romanzo d’esordio, Nient’altro che amare (Edizioni CentoAutori), vincitore del Premio Letterario Mondoscrittura, e nel 2013 ha partecipato al progetto di scolastica coordinato da Manuela Salvi “Prossima fermata… Italia!” (Onda Editore) scrivendo il capitolo dedicato alla regione Calabria. Ha curato l’antologia benefica “Dodicidio” per il progetto POP di La Gru Edizioni scrivendo il capitolo “Febbraio” (2013) e ha vinto il “Concorso Cercasi Jane” indetto dalla Domino Edizioni con la quale il 1 settembre 2013 è uscito il suo romanzo “Sirena all’orizzonte” secondo classificato al Premio Letterario Magiche rose 2014 di Fiuggi. A giugno 2014 invece è uscito Mira dritto al cuore per i tipi della Runa Editrice, mentre un secondo saggio sulle figure materne nella saga di Harry Potter dal titolo “Mamma non mamma: le madri minori nel mondo di Harry Potter” uscirà a gennaio sempre con Runa Editrice. Collabora con il portale di informazione online Rete-News.it (www.rete-news.it) scrivendo articoli di cronaca, costume e musica e con la rivista letteraria digitale e online Inkroci (www.inkroci.it ) in qualità di traduttrice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...