FRANCESCO FALCONI: INTERVISTATO PER BABETTE BROWN.IT

screenshot-2016-10-20-18-49-47

 

La prendo molto alla larga con la prima domanda: perché scrivere? Quando e come è nata questa tua “necessità”? Qualche anno fa, per un’intervista a Panorama, dissi: «La scrittura non è un mestiere. Non è un hobby. Né una passione. È un’esigenza di cui non si può far a meno. Perché senza ti senti soffocare. E sai che è l’unico modo per liberare quella bestia che ti strangola. Se provi questo, allora vuol dire che hai una bella storia da raccontare.» In molti mi chiedono se aver scritto fantasy sia un modo per evadere la realtà. Oggi penso esattamente l’opposto: il genere fantastico racconta la realtà che ci circonda in modo ancor più profondo. Quando a 14 anni iniziai a scrivere Estasia, era sicuramente per divertimento. Amavo il fantasy e desideravo creare la mia storia. Oggi la scrittura rappresenta qualcosa di più complesso. Scrivere mi permette di mettere ordine nel caos che mi circonda e capire il chiaroscuro dentro la mia anima.

Siccome mi piace farmi i fatti degli scrittori, voglio sapere: come scrivi? A mano? Con il computer? Ti porti dietro sempre un Moleskine? Usi il microfono/dittafono dell’iPhone? Le idee arrivano quando meno te le aspetti, e le appunto semplicemente nelle note dell’iPhone. Tutto il resto via Mac, con il programma Scrivener che mi permette di ordinare documenti in maniera metodica. Ogni libro implica uno studio approfondito dell’ambientazione, degli eventi storici e dei personaggi. So che sarebbe molto più poetica e romantica la versione moleskine con penna stilografica, ma mentirei. I mezzi digitali di oggi, la sincronizzazione sul cloud e via dicendo sono molto utili e rendono più semplice concentrarsi nella fase creativa.

Scrivi tutti i giorni qualche pagina, oppure ti lasci sedurre dall’impeto dell’ispirazione? Sei un metodico della scrittura o un esuberante estemporaneo? Dipende, non esiste un’unica metodologia. Come primo lavoro sono ingegnere per un operatore telefonico, quindi posso scrivere solo la sera o nel fine settimana. Questa è l’unica costante, tutto il resto dipende dall’umore, dall’ispirazione e dalla stanchezza. A volte scrivo pagine e pagine di getto, che poi rivedo con calma. Costruisco sempre un plot abbastanza dettagliato, che poi puntualmente modifico. Cerco sempre di non farmi prendere la mano dai personaggi, cosa non semplice perché se questo implica genuinità, possono anche essere soggetti all’umore del sottoscritto e quindi perdere coerenza. Insomma, è un lavoro complesso, ma dopo aver pubblicato sedici libri posso dire con certezza che ogni romanzo ha una sua particolare storia e anima, non è possibile incasellarlo.

<<<<continua su www.babettebrown.it>>>>

Annunci

Informazioni su amnerisdicesare

italiana nata a Sao Paulo del Brasile, vive a Bologna. Sposata a un medico calabrese, mamma e moglie a tempo pieno, collabora come free-lance per riviste femminili. Dal 2005 gestisce il F.I.A.E. – Forum Indipendente Autori Emergenti http://fiaeforum.freeforumzone.leonardo.it, insieme gruppo e laboratorio di editing autogestito per scrittori emergenti. Ha pubblicato il saggio “Mamma non mamma: la sfida di essere madri nel mondo di Harry Potter” nell’antologia benefica Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling (CameloZampa Editore 2011); un suo racconto, intitolato “Zanna” è presente nell’antologia di racconti animalisti “Code di Stampa” (La Gru Edizioni 2011); ha pubblicato nel 2012 il suo romanzo d’esordio, Nient’altro che amare (Edizioni CentoAutori), vincitore del Premio Letterario Mondoscrittura, e nel 2013 ha partecipato al progetto di scolastica coordinato da Manuela Salvi “Prossima fermata… Italia!” (Onda Editore) scrivendo il capitolo dedicato alla regione Calabria. Ha curato l’antologia benefica “Dodicidio” per il progetto POP di La Gru Edizioni scrivendo il capitolo “Febbraio” (2013) e ha vinto il “Concorso Cercasi Jane” indetto dalla Domino Edizioni con la quale il 1 settembre 2013 è uscito il suo romanzo “Sirena all’orizzonte” secondo classificato al Premio Letterario Magiche rose 2014 di Fiuggi. A giugno 2014 invece è uscito Mira dritto al cuore per i tipi della Runa Editrice, mentre un secondo saggio sulle figure materne nella saga di Harry Potter dal titolo “Mamma non mamma: le madri minori nel mondo di Harry Potter” uscirà a gennaio sempre con Runa Editrice. Collabora con il portale di informazione online Rete-News.it (www.rete-news.it) scrivendo articoli di cronaca, costume e musica e con la rivista letteraria digitale e online Inkroci (www.inkroci.it ) in qualità di traduttrice.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...