#NaNoWriMo: SEMPRE PIU’ VICINO ALLA META

screenshot-2016-11-23-15-29-06

Il #NaNoWriMo ha un grande pregio: obbligarti a scrivere laddove hai interrotto o hai smesso per mancanza di idee. E’ un grande strumento per tirarti fuori dalla sabbia in cui avevi nascosto la testa e obbligarti a produrre. Siccome hai solo 30 giorni di tempo per raggiungere il tuo obiettivo, che non è quello di scrivere il capolavoro del secolo ma quello di scrivere 50.000 parole in questo lasso di tempo, devi produrre scrittura senza preoccuparti troppo della forma e dello stile. Certo, è un’arma a doppio taglio: puoi scrivere 50.000 parole di merda. Questo puoi metterlo in conto. Ma se sei un amante della scrittura, se ormai maneggi le tecniche da un po’ di tempo, se sei anche un pignolo al punto da editarti a memoria, beh, questo rischio è molto meno grosso di quanto tu non possa pensare.

Avevo un romanzo iniziato l’anno scorso per gioco. Un ricordo, un pensiero, un’idea che aveva iniziato a prendere forma piano piano. Poi, come spesso mi succede, aveva iniziato a prendere una sorta di rincorsa. Avevo scritto le prime cinquanta cartelle nel giro di una settimana. E mi ero fermata. Sapevo che dovevo continuare, ma un’intervista qui, un concorso di beneficenza lì, un progetto per un saggio per un’antologia su, un self-published che volevo assolutamente pubblicare sotto, insomma, ridendo e scherzando, quel progetto è rimasto fermo per oltre un anno in una cartellina del mio HD. A niente era valso il creare una “Board” su Pinterest con le foto degli ipotetici personaggi per ispirarmi e continuare. Non ne avevo voglia. Ed ero quasi sicura che sarebbe rimasto uno dei tanti romanzi incompiuti che giacciono nel mio computer.

Poi è arrivato il #NaNoWriMo. Confesso di aver tentennato abbastanza. Ho un’altra idea in testa, ormai anche quasi tutta organizzata, con “board Pinterest”, outline, schede personaggi, trama scritta (più o meno); insomma avevo già fatto i compiti per questa idea, potevo tranquillamente iniziare a scrivere. E invece ho deciso di dare una chance a questo. Un romance un po’ strano. Forse, come di solito sono i miei, non un romance. E grazie a questa maratona, sto continuando. Adesso so che non sarà, non può esserlo, di sole 50.000 parole. Sarà molto, molto più lungo. Ma so anche che non mi fermerò più di scriverlo fino a quando non avrò scritto la parola Fine in fondo al manoscritto. E questo grazie a #NaNoWriMo!

screenshot-2016-11-23-15-30-28

 

Perciò centomila di queste parole Nano!

nano-nano

Informazioni su amnerisdicesare

italiana nata a Sao Paulo del Brasile, vive a Bologna. Sposata a un medico calabrese, mamma e moglie a tempo pieno, collabora come free-lance per riviste femminili. Dal 2005 gestisce il F.I.A.E. – Forum Indipendente Autori Emergenti http://fiaeforum.freeforumzone.leonardo.it, insieme gruppo e laboratorio di editing autogestito per scrittori emergenti. Ha pubblicato il saggio “Mamma non mamma: la sfida di essere madri nel mondo di Harry Potter” nell’antologia benefica Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling (CameloZampa Editore 2011); un suo racconto, intitolato “Zanna” è presente nell’antologia di racconti animalisti “Code di Stampa” (La Gru Edizioni 2011); ha pubblicato nel 2012 il suo romanzo d’esordio, Nient’altro che amare (Edizioni CentoAutori), vincitore del Premio Letterario Mondoscrittura, e nel 2013 ha partecipato al progetto di scolastica coordinato da Manuela Salvi “Prossima fermata… Italia!” (Onda Editore) scrivendo il capitolo dedicato alla regione Calabria. Ha curato l’antologia benefica “Dodicidio” per il progetto POP di La Gru Edizioni scrivendo il capitolo “Febbraio” (2013) e ha vinto il “Concorso Cercasi Jane” indetto dalla Domino Edizioni con la quale il 1 settembre 2013 è uscito il suo romanzo “Sirena all’orizzonte” secondo classificato al Premio Letterario Magiche rose 2014 di Fiuggi. A giugno 2014 invece è uscito Mira dritto al cuore per i tipi della Runa Editrice, mentre un secondo saggio sulle figure materne nella saga di Harry Potter dal titolo “Mamma non mamma: le madri minori nel mondo di Harry Potter” uscirà a gennaio sempre con Runa Editrice. Collabora con il portale di informazione online Rete-News.it (www.rete-news.it) scrivendo articoli di cronaca, costume e musica e con la rivista letteraria digitale e online Inkroci (www.inkroci.it ) in qualità di traduttrice.

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...