SULLA BANALITA’ DELLO SCRIVERE

Un mio post che ha valore ancora oggi, dopo ben 6 anni…

Sono Solo Scarabocchi

img_jqDpww

Qualche giorno fa mi è capitato di rincuorare un’amica scrittrice circa il suo stile di scrittura. Aveva scritto un racconto, lo aveva fatto leggere in giro, le avevano mosso una critica che lei non comprendeva: la sua scrittura non era “empatica”. Per quanto si sforzasse di ragionarci su e di comprendere come quella scrittura potesse cambiare e diventare ciò che era risultato non essere, non riusciva a trovare una soluzione.
Quando si riceve una critica su ciò che si è scritto, si sa, le reazioni sono molteplici e in sequenza le riporto:

  • – stupore e confusione; come è potuto succedere?
  • – disappunto e rabbia: come è potuto succedere che il mio lettore non abbia capito?
  • – sconforto e delusione: come è potuto succedere che il mio lettore non abbia capito cosa volevo trasmettere?
    – ribellione e accettazione: il mio lettore non ha capito un cazzo.
  • – rinuncia e depressione: il mio…

View original post 864 altre parole

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.