#FIGLIADINESSUNO BLOGTOUR: 4 TAPPA

screenshot-2016-12-19-18-05-49

 

Quali sono i temi affrontati in Figlia di nessunoI temi trattati sono principalmente la forza e la caparbietà nel percorrere la vita, nel combattere con qualunque mezzo le difficoltà oggettive dell’ambiente in cui si nasce e si è costretti a vivere e il superare ogni ostacolo senza vacillare, cosa che la mia Nivea sa fare molto bene. Il romanzo lo considero in parte una “costola” del mio primo romanzo, Nient’altro che amare (Edizioni Cento Autori), pubblicato nel 2012. In Nient’altro che amare la protagonista, Maria a’zannuta, supera le brutture della vita e l’emarginazione a cui viene costretta dal suo stesso paese attraverso l’amore che non può fare a meno di provare per le sue creature e per gli uomini con cui li ha avuti. In questo primo romanzo, Zannuta usa l’amore come arma di riscatto. In Figlia di nessuno, invece Nivea non si concede che una volta sola, il “lusso di amare”. Quasi fosse una sorta di premio che la vita le deve dopo tanto lottare.

Sei di origini brasiliane e per la promozione del romanzo è stato organizzato anche un quiz sul Brasile. Che rapporti hai con questo Paese? Quando lo hai visitato l’ultima volta? Come ho accennato nella prima domanda, sono nata in Brasile, per anni ho sognato, sperato, anelato di poter un giorno visitare quel paese e a trent’anni mi si è presentata la possibilità di andarci a vivere per un certo periodo di tempo. Ho vissuto in Brasile per tre anni. Tre anni di grande difficoltà – il Brasile si affrancava allora da una lunga dittatura, vivendo una situazione politica critica e un tasso di povertà e violenza immensi, contro un’Italia che ancora doveva entrare in quello che sarebbe stato il lungo periodo di recessione degli anni ’90 – ma anche di indicibile bellezza. Ho studiato la lingua con una pignoleria inusuale (io parlavo già bene il francese e l’inglese, strumenti di lavoro) e ho cercato anche di studiarne la letteratura e comprenderne usanze e credenze. Non in maniera approfondita, purtroppo, il tempo per farlo è stato pochissimo. Ma il Brasile, i suoi profumi, la lingua meravigliosa, i volti delle persone mi sono rimasti dentro. Per anni guardavo ogni programma, saccheggiavo la rete alla ricerca di telenovelas o documentari sul Brasile. E ancora oggi, ne sento la mancanza quasi fisica. Purtroppo non sono mai più potuta tornare. Ormai sono venticinque anni che manco e la saudade si fa ogni giorno più forte.

<<<L’INTERVISTA COMPLETA QUI>>>

Annunci

#FIGLIADINESSUNO BLOGTOUR: 3° TAPPA SU SOGNANDOLEGGENDO

Meraviglioso approfondimento sull’ambientazione di Figlia di Nessuno a opera del Blog Sognando Leggendo che ha ospitato la 3° tappa del Blog Tour dedicato al mio romanzo. Leggetelo perché è davvero molto interessante e accuratissimo. Un grazie caloroso e riconoscente alle autrici della recensione e dell’approfondimento sul Brasile.

screenshot-2016-12-13-10-45-11

 

Ambientato a Rio in una delle tantissime favelas che caratterizzano il lato più povero di questo grande paese che è il Brasile, la protagonista e voce narrante della storia, Nivea Maria Gonçalves Mello Branco racconta la sua vita partendo dai ricordi della sua tribolata infanzia con una sfortunata madre, povera e disillusa.

Uno sfogo sommesso quello di Nivea che nasconde una grande furia interna contro le ingiustizie della vita. Di quella giovane donna che era stata sua madre, costretta ad arrancare per sopravvivere, arrivando purtroppo a prostituirsi pur di riuscire a mangiare lei e la sua figlioletta.

Nivea racconta, come un fiume in piena, tutti i ricordi della sua travagliata vita, una vita miserabile che malauguratamente, per un bel po’ di tempo, ripercorrerà la stessa strada seguita dalla madre; ci parla del suo lavoro come ballerina di sala e il suo prostituirsi, il suo concedersi per denaro agli uomini: belli, brutti, nullità o potenti. Lo racconta con sentimento, con vigorosa intensità ma traspare chiaramente come nel suo cuore ci sia solo un grande vuoto, tanto disprezzo e rammarico.

Leggere questo piccolo, breve romanzo, è stato facile e veloce proprio come fa un improvviso soffio di vento nel trascinar via le foglie dagli alberi. Amneris Di Cesare, ha scritto un romanzo che racchiude in sé il grido di una donna tormentata, provata dalle vicissitudini della sua intensa breve vita. Un romanzo contemporaneo paragonabile a quanto ogni giorno si sente su i vari casi quotidiani che interessano le donne. E purtroppo molto spesso, troppo, non sono notizie confortanti.

Nella sua figura, Nivea mi ha ricordato un po’ una novella Evita Peron, forte e battagliera. Una donna immagine che dal suo uomo del momento, potente e politicamente impegnato, viene condotta a parlare alla povera gente rimasta in quelle favelas per promuovere la sua campagna elettorale. Una sorta di burattino di belle sembianze, pronto ad essere manovrato per fini politici ed elettorali, riuscito a fuggire dalla piaga di una vita povera e a trovare un posto in una società più ricca. Una donna portavoce di una inconsapevole maggioranza disgraziata, nella mani di un governo incapace di dar loro i giusti diritti.

<<<<Il resto dell’articolo qui>>>>

Ricordiamo brevemente le tappe del Blog Tour Figlia di Nessuno:

banner-bt-figlia-di-nessuno-768x284

28 novembre 2016

Prima tappa: Sognando tra le righe

Presentazione del blog tour, del romanzo e dell’autrice, recensione

5 dicembre 2016

Seconda tappa: I miei sogni tra le pagine

I personaggi – Foto e citazioni

12 dicembre 2016

Terza tappa: Sognando leggendo

L’ambientazione – Alla scoperta del Brasile

19 dicembre 2016

Quarta tappa: È scrivere – Community per scrittori

Intervista ad Amneris Di Cesare

#FIGLIADINESSUNO: 2 TAPPA DEL BLOG TOUR

screenshot-2016-12-05-14-01-10

 

Oggi 2 Tappa del BlogTour di #FigliaDiNessuno. A ospitarla, I miei sogni tra le pagine, bellissimo blog che ringrazio immensamente per lo spazio dedicato. L’argomento? I Personaggi di FigliaDiNessuno. Siete curiosi di vedere i volti che mi hanno ispirato le loro storie? Li potete vedere qui. Enjoy! 

#FIGLIADINESSUNO: PRIMA TAPPA DEL BLOGTOUR

screenshot-2016-11-28-11-26-19

 

Il #FigliaDiNessuno #BlogTour inizia oggi e parte dal blog Sognando tra le righe, ottimo blog di lettura e recensioni.

Un racconto che si legge tutto d’un fiato e ci restituisce l’immagine di una donna che sin dalla più tenera età ha dovuto sgomitare nel mare impetuoso (e impietoso) della vita. Nata nella favela più grande del Brasile, non sa chi sia suo padre, se non attraverso i racconti di sua madre, donna sognatrice e aspirante ballerina del carnevale di Rio. Nivea (già il nome ha il suo impatto) è una ragazza cresciuta nella miseria, ma con la voglia di riscatto che le scorre nelle vene, dei racconti della madre ha fatto lezione cercando di condurre un’esistenza migliore. L’amore è sicuramente uno dei punti cardinali della sua vita, anche se a volte fugace, inseguito, non corrisposto. L’amore nelle sue più variopinte sfumature: amore di figlia, amore di donna e amore di madre. Nivea brucia d’amore verso la vita, verso la libertà e l’emancipazione dalla miseria. Amerà seppur con diverso trasporto più uomini, e ognuno le insegnerà qualcosa su se stessa. Una vita intensa alla ricerca di qualcosa, forse di un’identità, della rivincita verso la vita. Un racconto davvero molto molto bello, introspettivo che ribadisce il potere delle donne, quella loro continua e affannosa ricerca di conferme che a volte giungono dopo non poca sofferenza. Nivea ama la vita, ci si attacca fortemente anche perché se nasci e cresci nelle favelas, tutto ciò che la vita ti offre è sempre ben accetto. Una ragazza sognatrice prima, una donna forte e disillusa dopo, attraverso la vita di questo personaggio assistiamo al viaggio introspettivo di molte donne, perché non importa dove nasciamo e cresciamo, importa come decidiamo di consumare la fiamma che arde potente nel nostro animo. Teniamola sempre accesa, anche quando ci sembra di non aver mai costruito quello che avremmo voluto.  Amneris Di Cesare ha uno stile asciutto ma fortemente incisivo, soprattutto quando affronta argomenti delicati e toccanti. Figlia di nessuno meriterebbe di diventare un romanzo perché tratta tematiche sempre attuali legate alla complicata quanto vasta sfera femminile.

Ci sono momenti, nella vita di chi scrive, in cui vivi nella più completa esaltazione di ciò che di tuo sta per uscire ed essere dato alle stampe. E altri in cui tutto ti sembra buio, cupo, infruttuoso o inutile.
La vita di chi scrive e il suo umore sono così: alti e bassi.
Oggi era una giornata “bassa”, con un risveglio triste e poco luminoso.
E poi arriva una recensione come questa, per la presentazione di Figlia di nessuno e la prima tappa del Blog Tour.
Per chi scrive è sempre una sorpresa sentirsi “compresi” prima di tutto e poi apprezzati. Questa recensione bellissima a opera di Sognando tra le Righe mi ha emozionato e commosso.
Grazie, davvero grazie, Foschia75 per avermi regalato un risveglio luminoso aver riportato la mia autostima a livelli “alti”.

Le prossime tappe del BlogTour:
5 dicembre 2016
I personaggi – Foto e citazioni
12 dicembre 2016
Terza tappa: Sognando leggendo
L’ambientazione – Alla scoperta del Brasile
19 dicembre 2016
Intervista ad Amneris Di Cesare