MAI PIU’ SENZA

11913988_10207566735076823_564187912415491751_n

 

Qualche giorno fa, un’amica Blogger ha scritto un pezzo sul suo Kindle e sul fatto che l’amore tra di loro pare essersi spento.

La cosa mi ha fatto pensare. Ho comprato un anno fa il mio Kindle, dopo anni di tentennamenti. Un impulso del momento: su amazon.it un click senza starci troppo a pensare e via. Acquistato. Ricevuto nel giro di pochissimi giorni e giusto in tempo per un viaggio di una giornata, a Milano. In treno, sia all’andata che al ritorno, è stato fichissimo leggere senza il peso di un libro di carta.

Il tempo è passato. Il mio Kindle è diventato sempre più importante e presente. Ho scoperto come usarlo, ormai non mi sono più (quasi) sconosciute nessuna delle sue applicazioni, da dieci libri della prima volta oggi sono arrivata a quota 426.

12190848_10208043608358357_8721396263556072214_n

420 libri e non sentirne il peso. Prendere il tuo Kindle e andartene dove vuoi. Tipo, per dire, in bagno, in cucina mentre aspetti che l’acqua bolla, al bar mentre aspetti un’amica un po’ in ritardo, dal parrucchiere (che tutte quelle riviste di gossip ormai ti vengono a noia anche solo a guardarle da lontano e sbirciarne i titoli dalle copertine ti fanno elettrizzare i capelli così non si possono più acconciare!), dal medico curante ad aspettare il tuo turno. In auto, nelle 10 ore di viaggio che di solito impieghi da casa tua fin giù in Calabria, 1000 chilometri senza accorgertene (tanto guida il marito) e due, magari anche due romanzi e mezzo letti senza preoccuparti dove hai infilato la seconda copia, dopo che hai finito di leggerti la prima…

Cara amica Mara, capisco la tua frustrazione e il tuo disamore. Ma io sono ancora in quella fase in cui il mio Kindle è tutto il mio mondo. In quella fase dell’innamoramento in cui vuoi stare sempre insieme al tuo amato e non vuoi separartene mai, neppure per un secondo (guai se i miei figli si azzardano anche solo a prenderlo in mano per porgermelo subito dopo! Azzanno come Mika se gli tocchi i suoi concorrenti!)

così:

oppure:

in quella fase dell’amore in cui non c’è niente di più bello, pratico, utile, tecnologicamente avanzato. Insomma, sono ancora in quella fase in cui posso dire:

Toccatemi tutto ma non il mio Kindle.

E vabbe’. Probabilmente passerà.

Informazioni su amnerisdicesare

italiana nata a Sao Paulo del Brasile, vive a Bologna. Sposata a un medico calabrese, mamma e moglie a tempo pieno, collabora come free-lance per riviste femminili. Dal 2005 gestisce il F.I.A.E. – Forum Indipendente Autori Emergenti http://fiaeforum.freeforumzone.leonardo.it, insieme gruppo e laboratorio di editing autogestito per scrittori emergenti. Ha pubblicato il saggio “Mamma non mamma: la sfida di essere madri nel mondo di Harry Potter” nell’antologia benefica Potterologia: dieci as-saggi dell’universo di J.K. Rowling (CameloZampa Editore 2011); un suo racconto, intitolato “Zanna” è presente nell’antologia di racconti animalisti “Code di Stampa” (La Gru Edizioni 2011); ha pubblicato nel 2012 il suo romanzo d’esordio, Nient’altro che amare (Edizioni CentoAutori), vincitore del Premio Letterario Mondoscrittura, e nel 2013 ha partecipato al progetto di scolastica coordinato da Manuela Salvi “Prossima fermata… Italia!” (Onda Editore) scrivendo il capitolo dedicato alla regione Calabria. Ha curato l’antologia benefica “Dodicidio” per il progetto POP di La Gru Edizioni scrivendo il capitolo “Febbraio” (2013) e ha vinto il “Concorso Cercasi Jane” indetto dalla Domino Edizioni con la quale il 1 settembre 2013 è uscito il suo romanzo “Sirena all’orizzonte” secondo classificato al Premio Letterario Magiche rose 2014 di Fiuggi. A giugno 2014 invece è uscito Mira dritto al cuore per i tipi della Runa Editrice, mentre un secondo saggio sulle figure materne nella saga di Harry Potter dal titolo “Mamma non mamma: le madri minori nel mondo di Harry Potter” uscirà a gennaio sempre con Runa Editrice. Collabora con il portale di informazione online Rete-News.it (www.rete-news.it) scrivendo articoli di cronaca, costume e musica e con la rivista letteraria digitale e online Inkroci (www.inkroci.it ) in qualità di traduttrice.

2 thoughts on “MAI PIU’ SENZA

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...